Nella sala Rossa: al minuto 2:21 – 2:22 – 2:23 – 2:24 – 2:25 – 2:26 – 2:27 – 2:28 le OPERE di Ugo Maria CIONFRINI 3:41 – 3:42 – 3:43 –  3:44 ci sono le mie quattro opere in primis ” il Bacio … ” , ” il T-Rex …” , (della serie *Zampilli di … Vita*) ” Tutto Scorre … ” (Nuova scoperta nella natura in B/N) ed ” il Babbuino …” (della serie *Zampilli di … Vita*) e ” l’Uomo Misterioso ed … Barboncino ” (della serie *Zampilli di … Vita*)

 

All images published on this site are granted for the sole purpose of consultation, all other uses are prohibited under Law 633/41 and subsequent amendments and pursuant to the Berne Convention on Copyright. The name of the author’s name is mandatory, pursuant to Presidential Decree 19/79

Tutte le immagini pubblicate su questo sito sono concesse per la sola consultazione, tutti gli altri utilizzi sono interdetti ai sensi della legge 633/41 e successive modifiche e ai sensi del Trattato Internazionale di Berna sul Diritto d’Autore. La menzione del nome dell’autore è obbligatoria, ai sensi del DPR 19/79

 

Gli Artisti Internazionali partecipanti:
Cristos BALOUKOS –
BASTIANELLI/CARDELLINI –
Elena BELLUMORI –
Ana Eugenia BERBEL –
Nadia BERGAMINI –
Sara CAPOGROSSI –
Marco Esteban CAVALLARO –
Ugo Maria CIONFRINI

Laura CULTRERA
Dario MAZZEO –

Paola NAPOLEONI –
Maria Rita ONOFRI –
Jean François PARVEAUX –
Donatella PAUSELLI –
Francesca PENNESE –

Betti RELLA

Maria Pia RELLA
Giulio RIGONI –
Fulvio ROTTICHIERI –
Adelaide SCAVINO –
Sabrina SIMONCINI –
Danilo TEAGANO –
Valentina ZELLI

 

Rocca aldobrandesca (Capalbio)

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Coordinate: 42°27′18.05″N 11°25′09.38″E (Mappa)

Particolare della torre della Rocca aldobrandesca di Capalbio

La Rocca aldobrandesca di Capalbio si trova nel cuore del centro storico dell’omonima località della Maremma grossetana, denominata anche la piccola Atene.

 

Cenni storici

La rocca sorse in epoca medievale come possedimento dell’Abbazia delle Tre Fontane di Roma. Nel corso del Duecento passò alla famiglia Aldobrandeschi che la ampliarono, conferendole un aspetto ancor più fortificato; gli Aldobrandeschi la controllarono a vicende alterne fino alla fine del Trecento, quando la persero definitivamente a vantaggio degli Orsini di Pitigliano.

La permanenza di Capalbio e della sua rocca nella Contea degli Orsini fu, tuttavia, molto breve, a causa della conquista da parte dei Senesi avvenuta agli inizi del Quattrocento. Da allora, la Rocca aldobrandesca fu uno degli avamposti più meridionali della Repubblica di Siena. I Senesi eseguirono dei lavori di ristrutturazione, conferendo al monumento architettonico l’aspetto attuale.

Nella seconda metà del Cinquecento, con la definitiva caduta di Siena, la fortificazione passò nelle mani dei Medici, seguendo le sorti del Granducato di Toscana.

Nel 1989 è stato utilizzato dal regista Duccio Tessari per gran parte delle riprese del film C’era un castello con 40 cani con Peter Ustinov e Salvatore Cascio.

Aspetto attuale

La Rocca aldobrandesca di Capalbio è situata nel punto più alto del borgo ed è costituita da una torre e da un elegante palazzo signorile, addossati tra loro su un lato.

La torre costituisce il nucleo originario del complesso e si presenta a sezione quadrangolare poggiante su un basamento a scarpa cordonato; la parte alta è coronata da una merlatura sommitale che poggia su mensole che racchiudono archetti ciechi.

Palazzo Collacchioni è l’elegante palazzo signorile di epoca rinascimentale addossato alla torre sul lato corto. Il fabbricato si sviluppa su tre livelli, presenta alcune pregevoli decorazioni sulla facciata principale, dove si apre il portale che conduce al cortile interno dove è collocato un pozzo per la raccolta d’acqua nella sottostante cisterna interrata.
Al suo interno sono conservati caratteristici mobili d’epoca, tra cui anche il Fortepiano Conrad Graf, suonato anche da Giacomo Puccini che spesso soggiornava presso la non lontana Torre della Tagliata. –

 

Rocca aldobrandesca (Capalbio)
From Wikipedia, the free encyclopedia.

Curly Brackets.svg To this item or section you need to add the {{Infobox military structure}} synoptic template

Coordinates: 42 ° 27’18.05 “N 11 ° 25’09.38” E (Map)

Detail of the tower of the Aldobrandesca Fort of Capalbio

The Aldobrandesque Fortress of Capalbio is located in the heart of the historic center of the homonymous Maremma Grossetana, also known as the small Athens.

Background

The rock rises in medieval times as possession of the Abbey of the Three Fountains of Rome. During the thirteenth century it passed to the Aldobrandeschi family who expanded it, giving it an even more fortified appearance; The Aldobrandeschi controlled it alternately until the end of the fourteenth century when they lost it definitively to the advantage of the Orsini of Pitigliano.

The stay of Capalbio and his fortress in the Orsini County, however, was very short, due to the Siena’s conquest at the beginning of the fifteenth century. Since then, the Aldobrandesque Fortress was one of the southernmost outposts of the Republic of Siena. The Senesi carried out renovations, giving the architectural monument its present appearance.

In the second half of the sixteenth century, with the definitive fall of Siena, the fortification passed into the hands of the Medici, following the fate of the Grand Duchy of Tuscany.

In 1989 he was used by director Duccio Tessari for most of the film’s filming. There was a castle with 40 dogs with Peter Ustinov and Salvatore Cascio.
Current appearance

The Aldobrandesca fortress of Capalbio is situated at the highest point of the village and consists of a tower and an elegant mansion, lying on one side.

The tower is the original nucleus of the complex and has a quadrangular section resting on a corded shoe stand; The upper part is crowned by a top groove that rests on shelves enclosing blind arches.

Palazzo Collacchioni is the elegant manor house of the Renaissance period, lying against the tower on the short side. The building develops on three levels, with some fine decorations on the main façade, where the portal leads to the inner courtyard where a well for collecting water is placed in the underlying underground cistern.
Inside there are characteristic period furniture, including the Fortepiano Conrad Graf, also played by Giacomo Puccini who often stayed at the not too far Torre della Tagliata.